sabato 2 gennaio 2016

2016: L'ANNO DELL'EREMITA



Alzati in piedi. Sentiti sui tuoi piedi, prendi coscienza per un attimo del tuo corpo. Ora, lentamente, consapevolmente, fai un passo avanti con il piede destro; senti la percezione della pianta del tuo piede che si alza e poi si appoggia nuovamente al pavimento; osserva come ti senti nella tua nuova posizione, come sono il tuo equilibrio e la tua energia; fai adesso un passo avanti col piede sinistro, lentamente; cerca di essere consapevole della tua postura, del tuo piede, del tuo equilibrio. Avanza ancora col destro, appoggialo a terra poi, lentamente, riporta il peso indietro sul piede sinistro, gira la testa indietro mentre si crea questo leggero dondolio; alza il piede destro e ricomincia...

Non importa dove vai: puoi fare il giro del tavolo della cucina, o attraversare il parco sotto casa, quello che conta è il movimento consapevole e lento. Avanzando mimi simbolicamente il tuo procedere; l'appoggio e lo sguardo all'indietro rappresentano al contempo un saluto al passato e un accogliere quello che è già stato nella tua esperienza futura.

Non dare per scontato che sia facile; tecnicamente lo è, ma energeticamente non necessariamente. Potrebbe capitarti di sentirti vacillante, in bilico, poco stabile o in ansia; forse disorientato o teso. Oppure tendente ad accelerare o a viaggiare in apnea... osserva...


Il 2016 è l'anno dell'EREMITA

Il ricercatore
Il guaritore
Il pellegrino
Il portatore di Luce


Camminare al buio, illuminando la strada con la nostra unica lanterna, cercare il sentiero non ancora tracciato con una sola fievole luce, sotto la volta stellata del cielo di notte... procedere lentamente, in solitaria, mentre lontano ci raggiungono gli eco delle strutture del mondo, che crollando, seppelliscono le vecchie certezze sotto cumuli di macerie.

A questo siamo giunti. 

Nel 2015 abbiamo sollecitato l'arcano della Giustizia, il limite è stato raggiunto e l'esigenza di ridefinire "la propria legge" è risuonato imperativo; ognuno adesso dovrà procedere a tentoni seguendo la sua voce interiore, senza guida, senza direzione se non quella del suo Sè.
Stiamo per attraversare il guado, e il passaggio durerà qualche anno. D'altronde, siamo nel secolo della Rinascita, se ci rendiamo disponibili al cambiamento, se, soprattutto, ce ne assumiamo completamente la responsabilità. 

Se sei un ricercatore spirituale, questo è un anno speciale: ti sentirai proiettato verso la peculiare avventura della cerca del Graal, in ossequioso ascolto del Vero e poco incline alle seduzioni vacue di riconoscimenti fittizi e falsi orpelli. Se non lo sei ancora, forse puoi iniziare adesso, giacchè stai leggendo queste parole.
Siamo chiamati a provare a concepire il Mondo Nuovo e siamo protetti. Non facciamoci distrarre dagli squarci di luce nel cielo, dai proiettili vaganti, dai detriti di bombe lontane. Proseguiamo un passo alla volta, lenti, ponderati, concentrati. Annodiamo le nostre barbe sagge, incontriamo le punte di altri bastoni, cerchiamo la strada ascoltando il battito del nostro giovane cuore, pieno di gioia per la ricerca e curiosità per il percorso sconosciuto.
Iniziamo col destro... adesso.       

     

Nessun commento:

Posta un commento