martedì 29 ottobre 2013

il papa mercuriale (retrogrado!)




Riflettevo sul momento presente e sul fatto che dal 21 ottobre fino al 10 novembre mercurio è retrogrado nel nostro cielo. Genericamente Mercurio interviene sull'intelligenza, la comprensione delle cose, la comunicazione. Retrogrado, e a maggior ragione nel segno dello scorpione che a livello archetipico richiama il distruttore, è particolarmente interessante, quando non preoccupante.

Ma andiamo con ordine: non occupandomi di astrologia in modo approfondito,  proverò a spiegare solo per sommi capi cos'è un moto retrogrado: si ha quando il pianeta viene percepito come rallentato rispetto al suo abituale procedere e al movimento degli altri pianeti. In sostanza la sensazione prevalente è di debolezza nel campo di influenza del pianeta retrogrado, come se le cose non procedessero nel verso giusto o addirittura si inceppassero. Il mondo da osservare, si è detto sopra, è quello attinente a Mercurio, il messaggero degli dei. Per sua natura è, in quanto messaggero, portatore di una energia dinamica, versatile e veloce. Curiosità, ricerca, stimolo alla conoscenza e comunicativa agile, sono alcune delle sue caratteristiche. Va da se che essendo retrogrado, tutte queste fantastiche qualità vengono quanto meno ridimensionate; osserviamo quindi se in questi ambiti c'è qualcosa che percepiamo andare per il verso sbagliato in questo periodo....

E adesso a tutta questa premessa aggiungiamo 

IL PAPA


Non sono riuscita a stupirmi, lo confesso. Quale arcano più indicativo del papa poteva esprimere questo periodo e queste tematiche? Semmai la riflessione si orienta sul fatto che le sottolinea, come a volerle evidenziare e rendere particolarmente importanti da osservare. E' un invito molto chiaro, quasi un imperativo.
Quindi iniziamo a confrontarci su questi aspetti:

-  controlla il livello della tua comunicazione: 

da che livello parli, scrivi, ti esprimi? Dal livello emozionale forse? Sei arrabbiato, hai paura... 

- controlla la motivazione della tua comunicazione: 

vuoi vendicarti di qualcosa o rivendicare la tua posizione? Vuoi distruggere o costruire? 

- controlla la qualità della tua conoscenza: 

sei sicuro di muoverti da una posizione di comprensione? Sei superficiale o accurato? Hai le idee chiare o confuse? Quanto ascolti?

Il papa è saggezza in espressione. Non correre, osserva: 

- da dove arriva la tua saggezza? 

Cerca il punto dentro di te; se senti di non trovarlo, fermati, ascolta, ricevi. Prenditi il tempo 

- a chi è rivolta la tua saggezza? qual è l'obiettivo?

Di nuovo osserva, sospendi ogni cosa, chiarifica il tuo intento

Il papa è il ponte: ponte tra cuore e mente. 

Prima però dobbiamo contattare la mente, osservarne i contorni, le evoluzioni, le fumose intercapedini. Verificare se non c'è troppa aria viziata e magari aprire una finestra, come in una stanza chiusa da tanto, per far entrare aria pulita, spazio, luce.
Solo poi, solo dopo, possiamo ascoltare il cuore. E questa è un'altra storia, almeno fino al prossimo 10 novembre :-)

forse può interessarti anche: 
Francesco e la resa
8 di spade e la mente
post sull'arcano del papa





  
 







giovedì 8 agosto 2013

l'arcano del momento presente: la Giustizia



8 - 8 - 2013 

è tempo di ritrovare la struttura, persa nei meandri di questo ambivalente e fuorviante luglio appena passato, caliente e turbolento nelle sue manifestazioni energetiche.

Peraltro, l'arcano del momento presente è risultato essere LA GIUSTIZIA, un altro 8.




Val la pena quindi davvero soffermarsi sul significato di questa energia fluida che, pur scorrendo apparentemente senza ordine, richiede invece da oggi di trovare una forma, una definizione materiale, un limite interno, come l'alveo di un fiume che, contenendolo, dirige il flusso dell'acqua senza bloccarlo.
La giustizia rimanda al peso che diamo alle cose, alle situazioni; rimanda ad un bilancio interno e ci invita a misurare torti e ragioni con l'unico parametro valido, quello del cuore.

Proviamo a fermarci dunque, e a riconsiderare noi stessi e le azioni degli ultimi tempi alla luce del sentire rinnovato del cuore. Lasciamoci fluire... e ancoriamo la nuova percezione alla realtà manifesta, per perfezionarla prima di procedere oltre.


lunedì 24 giugno 2013

l'arcano del momento presente - 8 di coppe






Questo week-end è stato celebrato il solstizio d'estate: la luna e il sole - il fuoco e l'acqua - insieme. 
Quello che è separato e polare, nella lunga notte stellata di questo giugno così pregno di significati, si è riunito simbolicamente ed energeticamente.

Ho scelto quest'anno di onorare l'evento danzando in cerchio, ed è stato bellissimo e sintonico con la frequenza che sentivo preponderante, cioè l'Unione. Mi è sembrato che fosse giunto finalmente il tempo, per la nuova energia di condivisione, di espandersi e concretizzarsi nella realtà manifesta.

Per questo non mi stupisce l'arcano del momento presente: l'8 di coppe

E' come se una coppa ricolma di amore e gentilezza si riversasse su di noi. Sta ad ognuno accogliere, se può, aprendo il cuore a ricevere. Non ci sono parole, non c'è bisogno di pensieri, di comprensione, di spiegazioni. Siamo, nel silenzio e nella gratitudine, semplicemente insieme, in questa incredibile frequenza che si espande, nonostante le apparenze possano indicare altro. 

L'8 di coppe ci invita a sintonizzarci sulla dimensione ricettiva e arricchente del cuore, 
espandendo il potere della nuova vibrazione 
e a lasciare così che ogni cosa si compia.



   

giovedì 6 giugno 2013

il fante di denari e il 666






Chi è un discepolo spirituale? 
E' colui e colei che procedono in un percorso di individuazione della loro natura divina, immersa nella divina natura cosmica.
Non ci sono griglie di partenza, e riguardo all'arrivo temo che si debba tralasciare l'aspettativa di arrivare a tagliarlo.
In questa fase, quello che conta pare essere il percorso, da compiere con determinazione e volontà, ma anche con leggerezza e gioiosità, secondo il principio dell'alchimia, cioè della trasformazione.

Parlo di questo perchè oggi è un giorno che sintetizza energeticamente una potenzialità alchemica molto profonda e nel quale si condensa una opportunità molto potente.

Oggi è il 6 giugno 2013, ovvero 6 6 6


 E' stato detto tanto e scritto troppo su questa triade definita demoniaca dai tempi del versetto della Apocalisse di Giovanni. 
Personalmente vorrei veicolare un altro messaggio, che sento molto più attuale e pregnante ed è connesso con l'arcano del momento presente, il fante di denari, il nostro discepolo spirituale.
Il messaggio coinvolge l'energia del 6, già suggerita a gennaio, della 

scelta. 


Oggi è il tempo di  guardarsi dentro e verificare se siamo pronti per vivere in coerenza con la nostra natura divina; oggi possiamo osservare se siamo disponibili a lasciare andare secoli di condizionamenti culturali ed energetici, per concepire un mondo libero dai legacci e dalle catene di falsi miti e profeti; forse è il momento di soffermarci sull'evidenza che i demoni albergano nella realtà che li concepisce, e chiederci quale realtà siamo pronti a vedere noi. 



Il 6 è anche passione. La vita la richiede, ed è piena di Luce.





giovedì 25 aprile 2013

25 aprile, papa e papessa sul carro




Il 25 è composto da due numeri, che rappresentano nella loro essenza vibratoria, gli archetipi complementari:


la papessa, ricezione del messaggio



il papa, esternazione ispirata



La papessa da sola perde il suo scopo, ritenendo la Luce al suo interno.
Il papa da solo comunica senza collegamento con l'energia spirituale, e quindi manca la sua missione. 
Insieme producono la sinergia perfetta perchè l'onda cosmica attraversi il canale in modo virtuoso e si propaghi evolutivamente. 
Per questa giornata dunque, la prima interessante osservazione, utile a tutti noi sembra essere:
ascoltare, recepire, interiorizzare, vagliare cosa arriva e la adeguatezza del messaggio, e poi comunicare, esprimere, veicolare e condividere con attenzione al come e alla frequenza di emissione.


Altra chiave: il senso ultimo della coppia di numeri che forma questa data è espressa dal 7, il carro.



La sintesi dunque di papa e papessa è la progressione dell'esperienza nutrita di nuova saggezza e portata all'esterno, nel mondo, con enfasi ed entusiasmo.


Ebbene, in questa giornata controversa potrebbe essere interessante adottare una nuova lettura, focalizzandoci non sul sacrificio e sulle sofferenze di uomini e donne della resistenza, ma di cavalcare la forza della loro convinzione profonda nel cercare di costruire una realtà diversa e più consona con il loro sentire autentico.

Godiamoci un pò di Strauss, sognante, potente, visionario, lasciamo andare sensazioni e pensieri di fallimento e rinuncia e ancoriamo la frequenza a prospettive di speranza e concretizzazione di una realtà trasformata.




mercoledì 17 aprile 2013

l'arcano del momento presente - il due di spade








Sarà la giornata odierna, incentrata sulle votazioni del presidente della Repubblica, ma questo due di spade intercetta puntuale una inevitabile sensazione collettiva di sospensione.  

Il due di spade è attesa. 
E' una pausa mentale, come se non si sapesse cosa pensare e come dirigere i pensieri. In sè non è negativo nè positivo, purchè non diventi impasse. 
Il rischio, in queste ore di crogioli politici ad ogni angolo di strada e ad ogni salottino e anticamera televisivo, è amplificare l'energia destabilizzante del sentirsi bloccati in un vicolo cieco, senza garanzie di uscita e senza speranze di movimento progressivo. 

E' vero che il nostro paese è precipitato in uno stallo istituzionale, (e si sa che il macro facilmente condiziona il micro); è vero che siamo in affanno su ogni aspetto della vita politica, sociale, economica ed è sensazione diffusa non riuscire ad uscire dallo stallo, ma

il due di spade nasconde una opportunità: avere il tempo di capire.

Capire con la mente quello che la pancia ha sentito e sente: quanta paura e quanta passione anima ognuno di noi. Quanta fiducia e quanta rassegnazione albergano al nostro interno, per poter cogliere al meglio l'opportunità di trasformare, rettificare, riequilibrare, in vista di un agire consapevole alla prossima onda energetica che è proprio dietro l'angolo.

Sfruttiamo questo due di spade, confrontandoci con noi stessi, facendo ordine.
Prepariamoci.   

  

giovedì 11 aprile 2013

l'arcano del momento presente - la giustizia






"L’individuo che prende su di sé la responsabilità per quanto accade nella sua vita e nella sua nazione, diviene inarrestabile. Chi invece attende passivamente che siano le condizioni esteriori a cambiare, si sta comportando come un mendicante di felicità. Il cittadino del futuro non cerca le condizioni adatte, le crea." S. Brizzi

Abbiamo già parlato dell'arcano degli AMANTI, legato numerologicamente a questo anno in corso.
Ebbene, nel leggere la frase riportata sopra, nuovamente il richiamo a questo archetipo si evidenzia. La scelta è un cardine essenziale della manifestazione di umanità; grazie al libero arbitrio, ad un certo livello siamo nella possibilità di esprimere noi stessi attraverso delle decisioni che inevitabilmente daranno un indirizzo al nostro agire e al nostro vivere.

Ieri mio figlio, ultimo anno di liceo, in una simulazione del tema di maturità ha avuto il compito di scrivere alcune considerazioni sull'indifferenza; la fonte citata era il celeberrimo piccolo saggio gramsciano "odio gli indifferenti".
Io non odio gli indifferenti. Penso che chi, indifferente alla creazione della sua realtà, non si impegna in un modo qualsiasi ad esprimere nuove modalità, rinuncia non solo a concepire mondo, ma a concepire se stesso e se lo fa, presumibilmente è perchè il suo livello di coscienza non gli consente altro. Con questa considerazione non sto giustificando, ma constatando.

Altrettanto constato come sia affascinante e contagiosa la veemenza vibrante e passionale con la quale Gramsci esprime il suo pensiero
("Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l’attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c’è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti”), 
ma percepisco uno stridio sottile quanto fastidioso, come quei sibili di sottofondo che a volte disturbano, non ravvisandone la fonte.

Osservo che uomini di cuore e ideali, visionari e pensatori, sono sempre esistiti e, grazie all'impegno di pochi, spesso la storia si è scritta con balzi in avanti a beneficio di tanti. Caldeggiando quindi la presa di coscienza individuale, necessaria in questi tempi così ricettivi al cambiamento, quello che sento essere il messaggio di questi amanti è non solo
SCEGLI 
di partecipare, di creare, di avere una visione e portarla in azione, ma
COME SCEGLI

Ed ecco qui evidenziarsi la GIUSTIZIA, arcano del momento presente di oggi.




La Giustizia rimanda al peso che diamo al cuore, non inteso come intensità e passione, ma come spazio inclusivo e senza giudizio di ogni cosa e del suo contrario, essendo noi Uno e Tutto contemporaneamente. 
Pragmaticamente, nel processo della giustizia c'è posto per gli attivisti e per gli indifferenti, poichè fintanto che concepiamo il mondo come realtà conflittuale, finchè siamo contro qualcosa e qualcuno, fino a quando amando odiamo, nulla cambierà in modo autentico, ma ciclicamente i piatti della bilancia penderanno a destra e sinistra senza requie.
Il processo attuale, la sfida, l'invito della giustizia e di questi tormentati e magici tempi, è quello di trasformare non solo il mondo fuori, ma il mondo dentro. Provare a trascendere la visione datata dell'uomo in contrapposizione permanente, e collocarci vibrazionalmente  Altrove, nel paese del cuore, dove c'è spazio per la creazione pura, senza falsi paradigmi di riferimento. 

Potrebbe interessarti anche: 
l'archetipo




mercoledì 3 aprile 2013

l'arcano del momento presente - la papessa





La mia Confessione fedele 

Curo i prati come il pavimento della mia casa, 
guardo l’erba come il tappeto sul quale 
allignano i figli e un tempo contento. 
Non vi è obbligo di appartenenza. 
Ogni filo d’erba è una speranza, 
il diritto per l’umiltà di un altro 
che l’ha preceduto e che io ho falciato, 
raccolto e scelto per necessità e dottrina. 
Pulire i prati è levare loro i sassi e contarli, 
come un atto di compassione 
ad ogni riverenza che gli concedi. 
È raccogliere terra sputata dal fondo e seminarla, 
di nuovo, in segno di generosità verso essa. 
È forse un lavoro ingrato e fermo al punto di partenza ma 
è anche la mia confessione fedele, 
la coscienza che mi riconosco addosso, 
di essere qui anche per questo. 
R. Dapunt



Tra mille tramestii e vacui discorsi, parole che si affollano inutili e tempi dilatati all'infinito, mentre ci sarebbe solo da fare spazio per nuove e rivoluzionarie azioni, consistenti in semplice e concreto FARE; tra tentativi di depistaggio e di rendere complicato quello che è semplice e inaccessibile quello che è di tutti, mentre il tempo passa inesorabile e il quotidiano affanno grava sulla vita di chi si arrovella sul prezzo delle mele piuttosto che sugli scranni presidenziali, 

ebbene proviamo a fare SILENZIO. 

Un silenzio sacro, interno, puro e scarno, dove quello che è vero semplicemente E'. 
Dove le azioni di ogni giorno, umili e prive di altisonanza, acquistano il fervore mistico della REALTA'.

Da questo spazio, e solo da questo, esprimiamo parole e pensiero. Il resto lo si lasci a chi, senza pace, si sgretola inesorabilmente minuto dopo minuto, e non lo sa.  



venerdì 29 marzo 2013

l'arcano del momento presente - cavaliere di coppe





Le carte di corte, ovvero fanti, regine, cavalieri e re, sono espressione, più che di un'energia generica, di specifiche attitudini della personalità. E' difficile quindi rapportarne il significato ad un ambito collettivo, come la finalità del pescaggio dell'arcano del momento presente si prefigge. 
Al di là quindi della facile associazione col vostro innamorato personale, la carta credo che stia a sottolineare l'importanza della figura del

maschile in amore 


Parlo di maschile come parte yang dentro ognuno di noi e certamente come maschile incarnato. Quel maschile che si esprime dinamicamente nel mondo, avendo maturato consapevolezza dell'importanza di sperimentare il cuore e le sue leggi di apprendimento. Il maschile in amore è l'energia agognata della "metà della mela" che si risveglia al sentire e non teme di cavalcare l'onda del suo cambiamento interno, abbracciando modalità e paradigmi inusitati. Il senso delle priorità viene stravolto, a favore di una visione dell'altro che prima era annebbiata dalla ricerca egocentrata del potere individuale e collettivo del gruppo di riferimento.
Il cavaliere di coppe è fortemente propulsivo, come lo è questo momento energetico: nulla è più come prima, neanche il genere maschile su questo pianeta.


potrebbe interessarti anche:

Francesco e la resa



giovedì 28 marzo 2013

l'arcano del momento presente - il matto


13.03.2013


Senza papa, almeno nel momento in cui scrivo, senza imperatore: questa la situazione del nostro paese.
Dal punto di vista archetipico, siamo nella fantomatica "Terra di Mezzo", nella quale ogni passo non scioglie la riserva della domanda amletica interna: "dove sto andando?"


Questo è l'arcano del MATTO

Il Matto non sa dove va, non sa perchè, non sa per quanto. Però sa il come.


con leggerezza



                                                        gioia



con l'innocenza del bambino



Ebbene, che questo momento di sbandamento, senza guida, senza riferimenti, così foriero di paura e motivato disorientamento, sia l'occasione per alzare, come il matto, gli occhi al cielo e connetterci con la Fonte del nostro vero Essere, rinnovare la fiducia e proseguire con passo leggero, sapendo che il presente è tutto ciò che abbiamo. 

l'arcano del momento presente - gli amanti


20.01.2013


 

Gli Amanti, il Dr. Rath e le multinazionali della malattia


Non conoscevo il Dr. Rath. Interessante. O meglio... sfonda una porta aperta. 
Sono da sempre convinta che la moneta unica, quando fine a se stessa, produca sono schiavitù; i fatti di questi ultimi 15 anni lo confermano. Quando fu deciso di istituire l'euro, prima ancora dell'anno 2000, io ed altri come me ci domandammo: ma perchè partire dai soldi? E' la valuta ad unire, o i valori condivisi? I miei timori per l'evolversi del nostro mondo in un inferno Orwelliano hanno trovato conferma nella risposta, fin troppo lapalissiana, alla domanda in questione e, aihmé, ormai sono ampiamente suffragati dai tempi che stiamo vivendo. 
E' chiaro che il "potere" tiene al laccio l'umanità attraverso la paura; paura di soffrire, a causa della malattia e della privazione, e paura di morire, per povertà, stragi terroristiche, di nuovo malattia.
Tutto questo ci fa dimenticare chi siamo e che potere abbiamo dentro di noi.
Tutto questo annienta la  Sovranità su noi stessi e la nostra vita, offrendoci come modello esterno l'annientamento della sovranità del nostro stato di appartenenza e del modello culturale virtuoso al quale apparterremmo se fossimo in grado di evidenziarne e viverne la bellezza e la forza, per poter, questo sì, condividerne i valori col mondo.
In nome di una pretesa unità, che di fatto ci unisce solo nella schiavitù, si contrabbanda il reiterato tentativo di trasformare la nostra Anima Libera in una robotica e servile ancella. 

Siamo nel 2013: l'anno dell'arcano degli AMANTI. L'anno della scelta. Cambiare si può. Abbiamo troppa coscienza per non farlo, ma perchè cambiamento sia, bisogna scegliere di agire, partecipare, esserci, ognuno con le sue personali capacità e possibilità. 
Quest'anno ci chiama alla risposta alla domanda: ci sei?

Se è un SI, non puoi esimerti.
IL TEMPO E' ADESSO   




arcani in definizione


02.01.2013



ricevendo... come la papessa
agendo... come il mago
ascoltando... come la papessa
lavorando... come il mago

crei... come l'imperatrice

2013

l'anno dell'equilibrio tra azione e non azione, tra maschile e femminile interno, tra cuore e mente, per produrre il nuovo Cuore di quinta dimensione galattica.



21122012 - le chiavi numerologica e tarologica


21.12.2012


21 12 20 12
 3   3  2   3
  6       5
  11



Il processo di creazione si spinge avanti, l'imperatrice si esprime (vai a vedere il post del 1.12.12). Il numero tre al suo apogeo necessita espressione attiva.

Oggi si definisce la scelta, con  gli amanti: dove voglio essere? A cosa decido di dare spazio e luce? Cuore o Mente? Razionalità o Istinto? Emozioni o Calcolo? Amore o Paura? Ebbene questo 6 che anela armonia e bellezza, amore e poesia, è ben equilibrato dal 5, l'uomo nella sua naturale espressione veicolare di Essere Stellare che riproduce la bellezza e l'amore sul pianeta, finalmente rispondente alla sua reale energia.
Dal connubio approdiamo all'11, numero maestro, esempio ispirato di visione trascendente ed elevata. L'arcano di corrispondenza è 


LA FORZA



La gentilezza con la quale, in assoluta semplicità e senza sforzo, Cuore e Mente, Razionalità e Istinto, Luce e Ombra, Immanenza e Trascendenza, si coniugano insieme nell'Essere Superiore che Siamo, al servizio dell'Anima e non più nel giogo di una realtà che falsa la vera natura di ognuno di noi.   

20122012 - le chiavi numerologica e tarologica


20.12.2012


20  12  20  12

                                                                         2   3    2    3

                                                                            5         5

                                                                                 10

Oggi è il giorno dell'allineamento interno.
Come potete notare, la data è perfettamente simmetrica da un punto di vista numerico. 
In un'ottica tarologica, abbiamo papessa e imperatrice a confronto, come se la parte ricettiva e quella espressiva possano e debbano dialogare internamente ed equilibrarsi, in vista di domani e del tempo che verrà. Oggi ancora possiamo raccoglierci in noi in un ascolto silenzioso e attento di cosa arriva e cosa ci muove dentro, mentre energie creative e dinamiche si preparano a trasformare il messaggio in potenzialità espansa.
La somma della papessa e dell'imperatrice,  trasferisce l'energia nel cinque, duplicato anch'esso. Il numero è la rappresentazione dell'uomo (ricordiamo l'uomo vitruviano?), antenna di congiunzione tra terra e cielo e   ponte tra l'immanente e il trascendente. Nella dimensione allegorica di ponte, a livello tarologico troviamo la rappresentazione del papa, ovvero la saggezza spirituale della papessa e la potenzialità performante dell'imperatrice fuse insieme a suggellare una nuova conoscenza iniziatica, un nuovo sapere del femminile cosmico, da condividere col mondo perchè ne sia impregnata la nuova realtà.
Ma attenzione: questa disposizione archetipa è certamente fortemente ancorata ad una trasformazione epocale e karmica del pianeta e della razza umana, e come tale attesa e auspicata, ma sottende il rischio della ruota della fortuna (il 10), di non ancoraggio e perdita di centratura.
Pertanto è necessaria vigilanza assoluta, in questa giornata di vigilia: lasciamo che le nostre parti interne possano allinearsi in modo coerente e completo, sinergico e propedeutico per la nuova energia di rinnovamento, radicandoci in esse profondamente, al di là del bene e male del mondo.






12.12.12 la griglia cristallina e l'appeso



12.12.12



La Griglia Cristallina (CG 144) è un reticolo energetico, un campo intorno al pianeta, composto da una geometria a doppio-penta-dodecaedro, ovvero un complesso poligono tridimensionale a 144 facce.
Essendo stata rimandata in matematica praticamente con costanza annuale, non intendo approfondire il tecnicismo, ma invece parlarvi di quello che sento essere la Griglia, e questa giornata.
Intanto chiariamo che la Griglia Cristallina, pur essendo sempre esistita, non era compiutamente in attivazione nel passato e ha iniziato a interconnettersi solo negli ultimi 10 anni. Di fatto, voltandoci indietro, è evidente che il mondo e l'umanità hanno subito dei cambiamenti epocali proprio nell'ultimo periodo storico, tanto che siamo in febbrile attesa del 21.12.12 come data salvifica e trasformante. 

La data del 12.12.12 è magia pura. Il 12 è un numero cabalisticamente potente e ricorrente nella nostra storia e cultura, religiosa e non: i 12 apostoli, i 12 segni zodiacali, i 12 mesi dell'anno, i 12 figli di Giacobbe, le 12 costellazioni, le 12 fatiche di Ercole, i 12 cavalieri della tavola rotonda, i 12 nomi di Odino.

L'Appeso



A livello tarologico abbiamo l'appeso,
ovvero la possibilità (o necessità) di guardare il 
mondo sottosopra, rivoluzionare la visione,
stravolgere i punti di riferimento. Esattamente 
quello che l'Esistenza ci invita a fare in questo 
momento, sostenendo il cambiamento, anzi, 
abbandonandoci ad esso.
L'appeso non può che guardare dentro di sè, 
così a penzoloni nel vuoto, impossibilitato ad ogni 
altra azione se non rivolgersi al suo interno e percepire 
come la visione sovvertita del mondo lo trasforma.



La meditazione

In questo giorno così speciale, vi propongo una piccola meditazione sul cuore, ricordando gli insegnamenti di Kryon, magari da effettuare, se riuscite, alle 12.12 :-) 





1. Trovate un posto confortevole dove non essere disturbati;
2. Cominciate a respirare molto profondamente ed entrate in uno stato di calma interiore;
3. Visualizzate un diamante di energia luminosa scendere attraverso il chakra della corona;
4. Fatelo scendere lungo la spina dorsale, attraversando ogni chakra fino alla radice, e poi posizionatelo definitivamente sul chakra del cuore;
5. Dal vostro cuore emettete un raggio di energia bianca e luminosa direzionandolo verso il centro della Terra;
6. Al centro della Terra, visualizzatelo esplodere in un flash abbagliante e dividersi in una infinità di raggi che si connettono con la Griglia Cristallina
7. Sperimentate l’estasi e permettete che fluisca liberamente dentro di voi;
8. Fondete armonicamente assieme la frequenza del vostro corpo e della vostra mente con la frequenza della Griglia Cristallina

Se non riuscite a visualizzare non è importante, basta l'intento!!

l'arcano del momento presente - l'imperatrice


01.12.2012


L'Imperatrice


Premessa: questo post, al contrario di tutti gli altri di questa etichetta, almeno fino ad oggi, non contiene un messaggio sintetico. All'inizio ho creduto che fosse dovuto alla natura dell'arcano stesso... l'imperatrice è abbondante, complessa, "tanta". Guardate come la raffigura l'artista Niki de Saint Phalle!!



In realtà il motivo sembra essere un altro: stamattina, nel pescare un arcano che esprimesse il messaggio da veicolare corrispondente all'energia collettiva in questo momento, e vedendo  sbucare l'imperatrice, sono rimasta attonita. Mi è sembrato che la carta non fosse sintonica con quello che percepisco al momento, e pertanto non fossi idonea a trasmetterne il contenuto. Incapace comunque di concentrarmi su altro, ho iniziato a curiosare sul web formulando l'intento di una visione.
Perfetto! Neanche un minuto dopo, mi appare per vie traverse un articolo illuminante che vi allego qui, per chi avesse voglia di leggerlo: 




Articolo interessante per come è confezionato: l'autrice alterna al testo momenti di ludico abbandono, di intervallo scanzonato, come se fossero pause per il caffè, in modo ironico e creativo. Non meno interessante è il contenuto, che di per sè costituirebbe avvincente materia per un post a parte (magari ci penserò!).

In sostanza descrive la cultura dello stupro e specificatamente parla di una storia che, a parte la band musicale, è stata una personale esperienza diretta di Elena sedicenne, compresa la strategia della "morte" e la mancata risonanza a causa della assenza di abiti stracciati  e segni evidenti di violenza.
Fantastico: catapultata nel 1979, in caduta libera, wow!

Nel rivisitare sullo schermo quello che appartiene, per diritto di memoria al passato e per senso di appartenenza emozionale al trapassato, mi sono ricordata dei due arcani precedenti a questo: la morte, con l'energia della separazione dal vecchio, e il due di bastoni, preparatorio per il nuovo passo. Ho anche osservato come, nelle scorse settimane ho percepito la frequenza energetica focalizzata sulla vibrazione del caos e della confusione (vedi il post: LA NEBBIA del 27 novembre). 
Ebbene, nello sbandamento del "non si sa dove si va", tutto mi appare chiaro... 


il caos si espande, si espone, si impone, 
poichè l'imperatrice è
IL CAOS!!!

Tentando quindi di fare ordine nel turbinio delle intuizioni a raffica, cosa non da poco se sei focalizzato/a sull'energia dell'imperatrice, riassumerei così:

il caos c'è, ma nel caos possiamo creare noi stessi
è il tempo della chiusura del cerchio: quello che è stato va ri-verificato alla luce della nuova forma

(tradotto: verifica se hai concluso con questo X tipo di esperienza, sentire, reazione, emozione, meccanismo... trova tu il punto o i punti che ti serve esplorare adesso)
ho fiducia nel mio potere di creazione
la forza del femminile cosmico preme alla porta delle coscienze. Chi ha da trasformare, lo faccia adesso, chi ha da purificare e perdonare sa che oggi è il giorno giusto.

 La Dea è qui.   


l'arcano del momento presente - due di bastoni


22.11.2012

DUE DI BASTONI




Raccogli le forze. Misurati con te stesso. Ascoltati dentro e osserva dove sono le tue energie.
Domandati dove stai riponendo la tua forza vitale.
Ancorati. 
Sostieni le linee energetiche che senti utili in questo momento.
Rafforzale.

Siamo l'UNO che si scinde nel due per vivere questa realtà.
Siamo fluido vitale che si sdoppia in sangue arterioso e venoso, inspirazione e espirazione.
Siamo qui per sperimentare la dimensione duale dell'esistenza.
Il due di bastoni è una sana preparazione per il nuovo passo; richiede che le energie siano consolidate, ma fluide, e i conflitti risolti. 
Il due di bastoni ci invita ad una osservazione serena e a non avere fretta. 

E' da una solida base vitale che si costruiscono le visioni del nuovo e la forza per perseguirle.  


l'arcano del momento presente - la morte



15.11.2012


LA MORTE


Fortemente sintonico con quello che sento accadere a livello energetico questa settimana, l'arcano che è arrivato oggi sembra quasi voler continuare la riflessione iniziata il 14 novembre sulla mia pagina facebook (Samaya Elena Trezza) relativa proprio al lasciar morire... 

A quanto pare il mese dei morti è, in quest'anno 2012, il mese nel quale abbiamo la meravigliosa opportunità di separarci dai fardelli; il 2013 porterà un nuovo radicamento, ma nulla sarà nuovo se attraverseremo il solstizio con le vecchie zavorre ben legate sulle spalle. Lo dico a me stessa e lo dico a chi legge: 

è tempo 

Naturalmente non tutto viene lasciato andare, per ogni situazione vitale c'è una fase. Così ci sarà sempre da conservare, da trattenere, da preservare; ogni istante della nostra vita è un momento a se, anelante presenza e ascolto.
Ascoltiamoci dunque, ma con la consapevolezza che la Morte simbolica è giunta, e ci chiede un atto di coraggio nel separarci di quello che è vecchio per noi e non utile al cammino.

Mi è sembrato pertinente il video IL TAGLIO, ( lo trovate anche sul sitoelenatrezza.com alla pagina meditazioni 1) contenente una meditazione attiva, uno spunto, un atto psicomagico, come direbbe Jodorowsky. Non mi resta che augurare a tutti

BUON TAGLIO 






l'arcano del momento presente - il papa



08.12.2012


IL PAPA


L'arcano del papa è correlato all'insegnamento e alla trasmissione di saggezza. Troppo spesso da chi ha pretesa di essere il depositario della conoscenza, a qualsiasi livello, abbiamo sentito solo parole, parole, parole... parole vuote, parole piene, parole pesanti, grevi di significato o anche vacue, vaporose, senza senso, che non si fermano sul cuore, ma riempiono l'aria come nuvole in un cielo senza vento.

STOP!!





Oggi, nel momento presente, il papa sei TU.

Sto vedendo la Terra, piena di insegnanti col cuore leggero come bambini, che portano condivisione della loro saggezza al mondo e scambiano visioni e sogni. Sto guardando come ogni bambino, dentro di noi, può iniziare a sentirsi libero di indicare la strada per le Stelle.